I NOSTRI LABORATORI

LABORATORI DIDATTICI

(laboratori pedagogici per un insegnamento innovativo)

 

I laboratori¬† costituiscono, per il CENTRO SOCIO EDUCATIVO DIURNO e le due COMUNITA’ dell‚ÄôOpera don Guanella di Fasano, una¬† modalit√† didattica e organizzativa molto ampia . I nostri¬† laboratori hanno uno spazio attrezzato, che consente ai bambini¬† che frequentano il Centro,di utilizzare attrezzature specifiche, materiali ad hoc, strumenti utili per l‚Äôattivit√† che l√¨ si svolge.

Negli ambienti messi a disposizione della grande struttura si possono organizzare  laboratori d’arte, di pittura, di costruzione, di  produzione visiva, di musica( balli di gruppo ), nonchè laboratori psico-corporei ( la palestra attrezzata ).

La nostra ¬†ludoteca √® da considerarsi ¬†come l’evoluzione del vecchio cortile tra le case, dell’aia di campagna, dove ci si ritrovava a giocare, o dell’oratorio. Le funzioni prioritarie sono quelle di offrire un luogo protetto e stimolante per esperienze di aggregazione e amicizia e la possibilit√† di conoscere e utilizzare una grande quantit√† di giocattoli, difficilmente a disposizione di un singolo.

Quindi,oltre alla ludoteca, esistono i laboratorio  che sono degli  spazi attrezzati, e che consentono ai bambini di utilizzare attrezzature specifiche, materiali ad hoc, strumenti utili per l’attività che lì si svolge: sono dei  luoghi in cui si progetta, si ipotizza, si ricercano soluzioni, si discutono possibilità per costruire, per produrre, per fabbricare qualcosa.

Qual è il guadagno di un bambino che vive un’esperienza di laboratorio? Come si configura la relazione educativa tra bambino e adulto nel setting del laboratorio?

Nella realtà dei nostri laboratori i bambini non imparino dall’esposizione , dalle tante parole dette o da  regole da ricordare e da applicare.

laboratorio della pasta e dei dolci

                    

Nelle foto vediamo che la scelta del laboratorio, per la Festa di Pasqua,ha  previsto l’utilizzo della farina,del lievito,dell’acqua,delle uova sode e per ultimo del forno.

Una combinazione riuscita ed il risultato si vede.

Ma non finisce qui: il riordino  di materiali, strumenti, oggetti da parte del bambino. Come lo si trova così lo si lascia! Le implicazioni educative del riordino  non sono secondarie.

E’ un cammino educativo e con il tempo necessario funzionerà il primo (cosa facciamo,realizziamo? ) ,durante ( la scelta del materiale ed il manufatto finito ) il dopo (il riordino ( il laboratorio si lascia come lo si è trovato).

Il cronista

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi